“MONFERRATO”: IL NUOVO MATTONE DI FORNACE BALLATORE

Fornace Ballatore, una delle tre aziende che compongono il network delle Fornaci del Pianalto, presenta Monferrato, un nuovo mattone leggero e maneggevole dai profili precisi, con uno spessore di cinque centimetri e mezzo e una lunghezza di venticinque centimetri, trattato con una sabbiatura esterna leggera.

La Fornace Ballatore amplia così la sua produzione che consta di oltre cinquecento tipi di forme e profili di mattoni in terracotta fatti a mano in tutte le misure, lavati o sottoposti a una lieve sabbiatura e caratterizzati da piccole irregolarità. La fornace realizza mattoni da tamponamento di ogni dimensione, diverse tipologie di

tavelle in cotto fatte a mano, tavelloni, elementi per cornicioni e molti altri tipi di

laterizi come mattoni circolari, voltini, cunei, coppi, coppini, colmi, oppure elementi per l’arredo urbano.

Il Monferrato è un mattone a vista, prodotto nei formati più comuni diffusi nelle antiche fornaci del Monferrato Casalese, del Basso e dell’Alto Monferrato Astigiano o dell’Alto Monferrato di Acqui, Ovada e Gavi. Il nuovo laterizio può assumere diverse tonalità in virtù dell’aggiunta di minerali, passando dal color senape al bianco, fino al testa di moro, mentre dall’impasto emergono talora gli ossidi di ferro, che conferiscono robustezza e unicità alla superficie. Il mattone nasce dall’esigenza di riprodurre un elemento in cotto che rispecchi la tradizione delle tante ed eccellenti architetture piemontesi realizzate con questo materiale nei secoli e al contempo trovi impiego negli edifici moderni. Il Monferrato è stato ad esempio utilizzato per restaurare un prestigioso edificio gotico del Trecento: le cornici delle bifore, i cornicioni e le fasce marcapiano in cotto sono state riprodotte fedelmente e sostituite nelle parti usurate con la tecnica del “cuci e scuci”, restituendo l’antico splendore alla facciata.

Articolo 240 Monferrato

About the Author:
Le Fornaci Carena, Ballatore e Mosso hanno dato vita al network Fornaci del Pianalto, per ‘fare rete’ , operare cioè in sintonia di intenti per crescere e favorire al contempo lo sviluppo armonico del territorio.

Related Posts

Sorry, the comment form is closed at this time.